Banca Etruria, chiesti 500 milioni di danni agli ex vertici: ‘Spolpata, errori madornali’

0

Mentre il parlamento è impegnato per l’approvazione della legge elettorale porcata, apprendiamo che Banca Etruria, l’istituto di cui era vicepresidente il padre dell’ex ministra Maria Elena Boschi, è“stata portata allo sfacelo sotto il peso di errori madornali” ai danni “della società, dei suoi creditori, dei risparmiatori”.

I risarcimenti, ora, ammontano a circa mezzo miliardo di euro.

Riporta Tg Com:

“Un risarcimento di circa mezzo miliardo di euro. E’ la richiesta agli ex vertici di Banca Etruria da parte del liquidatore, che ha fatto i conti dei “danni causati dalla loro cattiva gestione”. Le persone chiamate in causa sono 37 e tra queste c’è anche Pier Luigi Boschi, padre del sottosegretario Maria Elena. Quasi la metà di quei soldi sarebbero dovuti alla mancata fusione con la Popolare di Vicenza.

“Una banca portata allo sfacelo”– Un’operazione, quest’ultima, che non venne portata a termine nonostante ci fosse un’offerta d’acquisto sotto forma di Opa, giudicata vantaggiosa dal liquidatore, Giuseppe Santoni. Che accusa gli amministratori di aver condotto la banca “letteralmente allo sfacelo sotto il peso di errori madornali”. La richiesta avanzata ha già ricevuto l’ok di Bankitalia e segue le multe per 2 milioni e 750mila euro già inflitte dalla Consob a circa 30 ex manager della banca per violazioni di diverse disposizioni del Testo unico di finanza.

Sono davvero pesanti le parole nell’atto di citazione del Tribunale civile di Roma, scritto per conto del commissario liquidatore. Si parla di “una incredibile storia di mala gestio ai danni della società, dei suoi creditori, dei risparmiatori e della credibilità del sistema bancario italiano”, scrive la “Repubblica”.

I danni – Nel dettaglio, ai 37 dirigenti si chiederebbero 464 milioni, al revisore Price Waterhouse Cooper spa altri 112, dal momento che la società, dice Santoni, “ha sempre espresso giudizi positivi, senza mai formulare rilievi”.

L’accusa parla della “dissennata erogazione di crediti senza garanzie nell’intento di agevolare soggetti legati agli ex esponenti aziendali”. Sono soldi usciti dalle casse della banca e mai rientrati del tutto. Il liquidatore ritiene che soltanto questo fronte valga 112 milioni di euro. In questo filone rientrerebbe un maxiprestito alla Sacci spa, il cui amministratore delegato era Augusto Sacci, anche consigliere di Etruria: per questa operazione si richiedono 38,9 milioni. E poi ci sono i crediti concessi alle aziende clienti dello studio professionale del consigliere Luciano Nataloni. Quei soldi, si legge sui documenti, furono erogati “senza seguire le procedure standard”.”

Continua a leggere l’articolo…


You might also like More from author

Leave A Reply

Your email address will not be published.